Lo sguardo verso la terra

Lo sguardo verso la terra

banner terra madre fiore /

Passi amorevoli nella natura, fonte di nutrimento e cura
Siamo letteralmente quello di cui ci nutriamo: aria, acqua, cibo, pensieri, emozioni; fisicamente c’è questo contatto coi frutti che stanno nella terra, sugli alberi, ma spesso non ce ne rendiamo conto. Ritrovare e valorizzare il rapporto armonico con la terra che ci accoglie e ci sostiene è uno dei nostri obbiettivi, per cui proponiamo esperienze proprio per risvegliare questo vincolo dimenticato.

L’uomo moderno vive spesso la natura come una realtà  che sta fuori di se’, un luogo che ci ospita e ci serve per nutrirci, vestirci, costruire case, macchine e così via, sfruttandone i materiali e l’energia. Spesso guardiamo verso la natura come spettatori e ne studiamo le leggi da osservatori esterni. Non è sempre stato così c’era un tempo in cui l’uomo aveva una consapevolezza diversa ed un rapporto rispettoso e costruttivo con la natura, sentendo di essere parte di questa. L’antico uomo di medicina o lo sciamano sapevano addirittura interagire magicamente con essa, potevano governare i processi vitali delle piante, gli eventi meteorologici, le forze degli elementi. Che cosa è cambiato? Un processo di progressivo allontanamento ci ha portati oggi a sentirci separati da Madre Natura e da Madre Terra. Ma se le nostre origini e le nostre radici affondano dalla notte dei tempi nell’ambiente naturale in cui viviamo, ognuno di noi può riscattarle, riportare alla luce la nostra reale natura di esseri che respirano la vita all’unisono e in un tutt’uno con ogni altra forma vivente del nostro pianeta. Attraverso varie attività  ed esperienze che ci riportano in un contatto diretto e profondo con noi e con la natura ed un orientamento alimentare che predilige prodotti locali di alta qualità  in sintonia con le stagioni, possiamo risvegliare la consapevolezza sopita e la percezione di unità con tutto ciò che ci sta intorno. Un obiettivo che sentiamo importante per l’evoluzione di ciascuno e della specie: fare passi amorevoli di gratitudine per i doni della nostra terra, per recuperare la percezione dell’energia vitale di ogni entità  naturale che scorre allo stesso ritmo di quella umana, in un’unica grande e sottile armonia e poter vivere così in modo salutare ed equilibrato con il proprio ambiente.