Biodanza e Matrix Tutto è possibile La visione olografica: uscire dagli schemi ed entrare in nuove dimensioni dell’esistenza

Biodanza e Matrix Tutto è possibile La visione olografica: uscire dagli schemi ed entrare in nuove dimensioni dell’esistenza

ologramma sito 400 250 /
Biodanza e Matrix Tutto è possibile La visione olografica: uscire dagli schemi ed entrare in nuove dimensioni dell’esistenza
Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) – 13/01/2018 – 14/01/2018
Tutto il giorno

Categorie


Da Gennaio 2018 Pisa

Vivi un presente che non ti soddisfa? Vorresti cambiare il tuo peso corporeo, le tue relazioni, il tuo lavoro, le tue entrate, ma ti ritrovi sempre nello stesso circolo vizioso?

Cosa è per te la realtà?

La visione delle cose a cui siamo abituati, passa attraverso le credenze e i comportamenti appresi.

Le nuove scoperte quantistiche ci mostrano che ciò che vediamo al di fuori, è una proiezione di quello che è dentro di noi. Niente è fisso e immutabile, ma tutto, il tangibile allo stesso modo dell’immateriale, è energia vibrazionale, particelle infinitesimali e onde in perenne movimento.

A partire da questa rivoluzionaria conoscenza, apprendiamo alcuni strumenti fondamentali per intervenire sulla realtà: l’informazione, l’immagine e l’intenzione.

Con la Matrix e Biodanza® sistema Rolando Toro scopriamo come cambiare frequenza vibrazionale e far ‘precipitare’ nuove dimensioni di realtà, come riformulare i condizionamenti bloccanti e fissare le nuove memorie a livello cellulare profondo.

Un ciclo di 12 stage in cui passiamo in rassegna le ‘memorie’ delle principali zone del corpo, le porte di entrata e uscita, rivitalizzandole e rinnovandole.

Primo stage L’infezione: la battaglia nel corpo 13 – 14 gennaio 2018

boost-immune-system-001

Che cosa è l’Infezione? Quale conflitto non vedo nella mia vita, non confesso a me stesso, cerco di distruggere?

Nello stesso modo in cui noi siamo aperti e conviviamo con batteri e agenti patogeni, nella nostra vita lasciamo entrare cose, persone, fatti con un impatto emotivo che si deposita negli organi e lì rimane memorizzato.

Perché si sviluppa l’infezione? Nel momento in cui ho una decisione da prendere di cui non sono del tutto convinta/o, sono titubante e non sento chiarezza in me, significa che ho perso il contatto con la mia parte più profonda, primordiale, animica.  Sento conflitto quando non sono sicuro/a, non vedo la strada, la decisione è dettata da paure, incertezze, credenze. Qui entro in una condizione di fragilità perché sono distaccato dalla visione globale: non riuscendo a vivere l’interezza della situazione, mi trovo di fronte ad una scelta e, scegliendo un’opzione, vivo la mancanza dell’altra possibilità. Quando vivo così un conflitto sentendomi ‘separato’, compaiono dei sintomi nel corpo fisico che mi mostrano la parte debole di me. L’infezione produce febbre, che intensifica i processi difensivi, la funzionalità del metabolismo aumenta: io mi sto difendendo nei confronti di me stessa/o.

I sintomi fisici dell’infezione – febbre, dolore, stanchezza, reazioni infiammatorie… – sono la manifestazione materiale di un conflitto interiore già presente a livello sottile. Nel momento in cui questi sintomi si manifestano, tutta l’attenzione si rivolge verso di essi. Il corpo diventa così un aiuto per vedere e poter intervenire sul problema, su come affrontare un contrasto che a questo punto è diventato ben tangibile.

Se lotto contro l’infezione, sterilizzo i miei ambienti, vivo una battaglia per non far penetrare nel mio organismo i ‘nemici’, sperimento una crescita di tensione che mi impegna e indebolisce a livello fisico ancora di più.

Al contrario, quando sono connessa alla fonte e sono in contatto con la parte primordiale della vita, non esistono i ‘nemici’, tutto convive in me, non ho necessità di vedere solo una parte perché sento la pienezza, sento chiarezza e non vivo conflitti nel prendere una decisione, il mio corpo non ha bisogno di combattere, tutto è già presente.

Nel percorso di questo stage andiamo ad acquisire una visione più ampia e completa di ciò che accade a tutti i livelli del nostro corpo, fino a quelli più sottili, per sviluppare la capacità di riconoscere, accettare e vivere con la pienezza. Con l’aiuto delle metodologie utilizzate abbiamo la possibilità di modificare la visione e la frequenza vibrazionale, trasformandoci, in modo che non viviamo più il conflitto e la ‘battaglia’ decada.

Lo stage prevede una introduzione teorica sulla Matrix e sulla visione integrata dei diversi livelli di realtà: il piano materiale, quello energetico e l’animico e una parte esperienziale in cui le potenzialità della metodologia di Biodanza® sistema Rolando Toro vengono potenziate con pratiche energetiche e di consapevolezza che consentono di memorizzare i benefici che sperimentiamo a livello cellulare profondo.

Gli stages iniziano il sabato mattina e proseguono fino al tardo pomeriggio di domenica.

Sede: Calcinaia (Pisa).

E’ un lavoro di approfondimento aperto a tutti.

Per informazioni e prenotazioni

 Silvia Baldassari 366 2088334 baldassarisilvia1111@gmail.com

 

secondo stage Il sistema difensivo: non lasciar passare

terzo stage La respirazione: il ritmo tensione / dis-tensione

quarto stage La digestione: la scelta tra trattenere e lasciar andare

quinto stage Gli organi dei sensi: il collegamento con le dimensioni

sesto stage La testa: verso l’alto.

settimo stage La pelle: limite e contatto

ottavo stage I reni: il rapporto sociale

nono stage La Sessualità: dalla polarità all’unità felice

decimo stage Cuore e circolazione: centro e armonia, lo scorrere della vita

undicesimo stage Apparato locomotore e nervi: il portamento.

dodicesimo stage  L’evoluzione nella visione olistica

 

Si tratta di un percorso, ma è possibile e funzionale anche la partecipazione a singoli stage.

About Author

About Livia

Hai voglia di divertirti? Avvicinati a Leone-Leone: con lei (Livia) non si sta fermi neanche un secondo; si viaggia con il corpo per prati, boschi, pellegrinaggi; si viaggia con la mente fino ad Alpha-Centauri; si viaggia con l'anima negli stage di Biodanza che lei conduce.